www.comitatoprocanne.com

Meteo Puglia










CANNE DELLA BATTAGLIA:
RIPULIAMO DALLO SCEMPIO LA FONTANA DI SAN RUGGIERO
Vai al sito


Mensile telematico di archeologia, turismo, ambiente, spettacolo, beni e attività culturali, costume, attualità e storia del territorio in provincia di Barletta–Andria-Trani e Valle d’Ofanto

Iscritto in data 25/1/2007 al n. 3/07 del Registro dei giornali e periodici presso il Tribunale di Trani. Proprietario ed editore: Comitato Italiano Pro Canne della Battaglia - Barletta (BT)

 

12/12/2005.  Arcidiocesi di Trani-Barletta-Bisceglie Cultura e Comunicazioni Sociali - Natale di SOLIDARIET└ E SPERANZA.

La lettera del Vescovo per il Natale

G.P. padre di quattro figli, piccolo imprenditore di Barletta nel settore calzaturiero, si Ŕ tolto la vita, lunedý 5 dicembre alle ore 22 circa.
Un gesto di disperazione che ci deve far riflettere.
Non sono certo le cause che possono giustificare un suicidio, ma esse certamente vanno considerate e rimosse non solo da chi le subisce, ma anche da chi le provoca.
╚ risaputo il gravissimo disagio che Ŕ nel settore del lavoro, in particolare delle piccole aziende che insistono sul nostro territorio: il calzaturificio, le confezioni, il marmo, ecc.
Questo problema sociale deve essere affrontato, e non rimosso, da chi ne ha il dovere e il potere.
A livello sociale allargato nessuno pu˛ rimanere indifferente dinanzi ai drammi di chi vive nella disoccupazione, nella mortificazione della perdita del lavoro, nell'estrema povertÓ, in ogni disagio grave fisico o psichico.
La ricorrenza del Natale mobilita senz'altro tutti i cristiani a farsi carico delle sofferenze gli uni degli altri e di ogni uomo e donna della terra per essere in piena sintonia di mente e di cuore con Ges¨ Bambino, Dio che si Ŕ fatto come noi, caricandosi ogni nostro dolore e donandoci la sua vita divina. Ma sia anche di forte richiamo ad ogni coscienza che, pur dichiarandosi laica, non pu˛ e non deve estraniarsi da quei valori che la toccano su dimensione universale: la giustizia, la solidarietÓ, l'umanizzazione dei rapporti. Al disopra delle cose c'Ŕ sempre l'uomo e non si deve mai, pertanto, metterlo in situazione di disperazione.
Sull'egoismo e la sopraffazione, prevalga in tutti l'altruismo e l'amore, verso tutti.
Le istituzioni sociali, come la Chiesa, si sentano fortemente interpellate, avvertano nelle profonditÓ della coscienza il grido lancinante dei poveri e si adoperino a dare segni concreti di speranza, che Ŕ il respiro della vita.

Trani, 7 Dicembre 2005
Giovan Battista Pichierri

Arcivescovo


- Arcidiocesi di Trani-Barletta-Bisceglie e Nazareth
- http://www.webdiocesi.chiesacattolica.it/cci_new/vis_diocesi.jsp?idDiocesi=205


BARLETTA - IMPRENDITORE SUICIDA: TROPPI DEBITI

Estremo gesto di un 46enne, sposato e padre di quattro figli. Ormai da qualche tempo era piombato in una pesante crisi depressiva

Il titolare di una azienda calzaturiera, chiusa da 4 mesi, non regge alla disperazione

Un solo colpo di pistola. Sparato alla testa, con l'intenzione di togliersi la vita. Sullo sfondo, forse, le preoccupazioni legate ai debiti. Sono i termini del dramma che si Ŕ consumato lunedý sera e del quale Ŕ rimasto vittima G.P., 46 anni, un piccolo imprenditore di Barletta nel settore calzaturiero. Strangolato dai debiti e, per questo caduto in una profonda crisi depressiva, si Ŕ tolto la vita senza pensarci due volte. Ha impugnato la sua pistola semiautomatica (legalmente detenuta) ed ha fatto fuoco. ╚ accaduto nell'ufficio della sua azienda, nella zona industriale di Barletta. Quello stesso opificio che, da qualche mese, aveva smesso la produzione di calzature anche a causa della implacabile concorrenza cinese. źSi trovava in uno stato di tensione fortissima╗, dicono alcuni che lo conoscevano. Una lavoratore onesto, una persona estremamente equilibrata. Sposato e padre di quattro figli, G.P. si era tenuto dentro questo stato d'animo che l'ha portato a maturare inaspettatamente una soluzione estrema. I debiti contratti, probabilmente, erano diventati tanti e tali da non lasciargli pi¨ alcun respiro. A trovare il corpo, oramai inerme, dell'imprenditore barlettano, Ŕ stato il genero, l'altra sera intorno alle 22. La sua pistola, ancora calda, era vicino al corpo. Immediato l'avvio delle indagini da parte dei poliziotti del commissariato che, grazie alle testimonianze raccolte tra congiunti ed amici, ritengono di aver delineato lo scenario nel quale sarebbe maturata la scelta di spezzare per sempre il legame con una situazione che evidentemente era considerata insostenibile. L'ipotesi pi¨ accreditata allo stato parla di un gesto che sarebbe da mettere in relazione ai problemi economici, ai debiti che, a quanto pare, sarebbero stati contratti con le banche. Un elemento quest'ultimo che potrÓ essere confermato solo quando sarÓ possibile esaminare la documentazione degli istituti di credito con i quali l'imprenditore aveva rapporti di lavoro.

Gianpaolo Balsamo

Fonte: La Gazzetta del Nord Barese 07/12/2005












 

Stampa l'articolo

 
© Comitato Italiano Pro Canne della Battaglia. Sede e Presidenza: Via Rizzitelli 62 - 70051 Barletta BT ITALY
Tel: (+39) 0883 532180 - Email: comitatoprocanne@oggiweb.com. Credits: OggiWeb www.oggiweb.com