www.comitatoprocanne.com

Meteo Puglia










CANNE DELLA BATTAGLIA:
RIPULIAMO DALLO SCEMPIO LA FONTANA DI SAN RUGGIERO
Vai al sito


Mensile telematico di archeologia, turismo, ambiente, spettacolo, beni e attività culturali, costume, attualità e storia del territorio in provincia di Barletta–Andria-Trani e Valle d’Ofanto

Iscritto in data 25/1/2007 al n. 3/07 del Registro dei giornali e periodici presso il Tribunale di Trani. Proprietario ed editore: Comitato Italiano Pro Canne della Battaglia - Barletta (BT)

 

10/07/2011.  BARLETTA - FESTA PATRONALE: FORTE APPELLO ALL'UNITA' NELLíOMELIA DI MONS. PICHIERRI NEL SOLENNE PONTIFICALE. BANCHI VUOTI PER L'AMMINISTRAZIONE COMUNALE ASSENTE CAUSA DIMISSIONI IN CORSO DEL SINDACO MAFFEI.

Stamane , a cominciare dalle ore 11.00, nella Basilica di Santa Maria Maggiore, ha avuto luogo il solenne pontificale presieduto da S.E. Mons. Giovan Battista Pichierri, Arcivescovo di Trani-Barletta-Bisceglie.


Come sempre, in questa occasione, momento cardine della Festa dei santi Patroni di Barletta Maria SS. dello Sterpeto e San Ruggero, la Concattedrale era gremita di gente. All'occhio è risaltata l'assenza della compagine governativa della città, forse a motivo della situazione di stallo creatasi a seguito della mancata elezione del presidente del Consiglio comunale, che vede il Sindaco Maffei dimissionario. Presenti le autorità militari e il Comandante dei Vigili Urbani.


Di seguito si propongono i passaggi più salienti dell'omelia dell'Arcivescovo interamente incentrata a illuminare la figura di Maria, la Madre di Gesù, che, a Barletta, viene venerata sotto il titolo di Maria santissima dello Sterpeto - che non ha mancato, sia pure brevemente, di fare riferimento all'attuale situazione amministrativa della Città: Maria è Mater Salvatorisâ¬?¬? chiamata da Dio sin dal suo principio o concepimento immacolata. Dice la parente Elisabetta: â¬?¬? .. e te beata, perché hai credutoâ¬?¬?. Il Nuovo Testamento evidenzia: â¬?¢ la maternità messianica di Maria (si veda il Vangelo di Luca con lâ¬?¬?evento dellâ¬?¬?Annunciazione) â¬?¢ Maria si pone alla sequela di Gesù (cfr. il Vangelo di Giovanni, in cui Maria è accanto al figlio nei pressi della Croce) â¬?¢ Maria si presenta con un volto ecclesiale (negli Atti degli Apostoli, ella è nel Cenacolo con gli Apostoli) Ella pertanto è lâ¬?¬?icona utile per la fede la vita di fedeâ¬?¬Ě. Lâ¬?¬?Arcivescovo, prendendo spunto e citando lâ¬?¬?omelia di Benedetto in occasione del solennità dellâ¬?¬?Assunzione del 15 agosto del 2005, afferma: â¬?¬?Maria è assunta in cielo in corpo e anima: anche per il corpo câ¬?¬?è posto in Dio. Il cielo non è più per noi una sfera â¬?¦ Nel cielo abbiamo una Madre. Il cielo è aperto, il cielo ha un cuore. Maria è â¬?¬?humilis ancilla Dominiâ¬?¬? che si gloria di proclamare la grandezza del suo e nostro Dio. Nel â¬?¬?Magnificatâ¬?¬? ella, ispirata dallo Spirito Santo, esprime la grandezza di Dio. Maria desidera che Dio sia grande nel mondo, sia grande nella sua vita, sia presente tra tutti noi. Non ha paura che Dio possa essere un â¬?¬?concorrenteâ¬?¬? nella nostra vita, che possa toglierci qualcosa della nostra libertà, del nostro spazio vitale con la sua grandezza. Ella sa che, se Dio è grande, anche noi siamo grandi. La nostra vita non viene oppressa, ma viene elevata e allargata: proprio allora diventa grande nello splendore di Dio. Anche nel nostri tempo câ¬?¬?è lâ¬?¬?irruzione di satana che tenta di distogliere i cuori e le menti da Dio e da Cristoâ¬?¬Ě. Credere è un grande atto di intelligenza e della speranza umana nel Dio che è amore, comunione, tolleranza e pace, proprio come ce lo ha rivelato suo Figlio Gesù. I nostri progenitori temevano che, se Dio fosse stato troppo grande, avrebbe tolto qualcosa alla loro vita. Pensavano di dover accantonare Dio per avere spazio per loro stessi. Ma dove scompare Dio, lâ¬?¬?uomo non diventa più grande: perde la dignità divina, perde lo splendore di Dio sul suo volto. Alla fine risulta solo il prodotto di una evoluzione cieca, e come tale, può essere usato e abusato. Eâ¬?¬? proprio quanto lâ¬?¬?esperienza di questa nostra epoca conferma quando lâ¬?¬?uomo si esprime nella sua â¬?¬?animalitàâ¬?¬? o come di ce S. Paolo â¬?¬?nella carneâ¬?¬? prescindendo dallo spirito. Solo se Dio è grande, anche lâ¬?¬?uomo è grande. Con Maria dobbiamo cominciare a capire che è così. Maria è la vergine della Parola e dellâ¬?¬?ascolto sapiente che ha trapiantato evangelicamente la sua esistenza. La Madre di Gesù, inoltre, è una donna riuscita nella vita perché amata da Dio e perché ha risposto esemplarmente allâ¬?¬?amore donato, per cui Ella è â¬?¬?donna del cielo,che non cessa di amare tutti coloro che sono stati redenti dallâ¬?¬?oblazione del suo Figlio crocifisso. Gesù, il Figlio, lâ¬?¬?ha volta Madre di tutti i credenti. Alla sua bontà materna, come alla sua purezza e bellezza verginale, si rivolgono gli uomini di tutti i tempi e di tutte le parti del mondo nelle loro necessità e speranza, nelle loro gioie e sofferenze, nelle loro solitudini come anche nella condivisione comunitariaâ¬?¬Ě. Mons. Pichierri fa riferimento alla richiesta di preghiere per il popolo del Congo, attraversato dalla guerra, formulatagli da Padre Michele Dinoia, sacerdote comboniano, nativo di Barletta. Nella sua città per un periodo di riposo. E continua: â¬?¬?Anche noi oggi, come sempre, rinnoviamo il nostro affidamento a Lei, Madre dolcissima e amorosissima, e con affetto di fili, volgiamo rispondere al suo invito di ascoltare e di ubbidire a quello che Gesù ci chiede. Nellâ¬?¬?Eucaristica che ci apprestiamo a celebrare, Gesù ci chiede di metterci nelle sue mani, per fare di noi, suoi discepoli, il corpo mistico che porta nel mondo, nella storia del nostro tempo la testimonianza del suo amore che ha reso figli dellâ¬?¬?unico Padre, fratelli in Lui che si è fatto nostro primo fratello abilitati ad annunciare il regno di Dio sino ai confini della terra. Raccomandiamo alla nostra Madre non solo noi, ma tutti gli uomini e donne della terra. In particolare raccomandiamo la nostra Città per la situazione attuale che sta vivendo in campo sociale. O Maria, Regina e Madre di Barletta, prega per noi! Al momento della preghiera dei fedeli, è stato lâ¬?¬?Arcivescovo stesso ad aggiungere unâ¬?¬?intenzione di preghiera per gli amministratori della Città, perché mettendo al primo posto le necessità del bene comune, ritrovino lâ¬?¬?unità di intenti nella guida di Barletta.


Fonte: Arcidiocesi di Trani-Barletta-Bisceglie e Nazareth


ABBIAMO PENSATO A TE Newsletter della Commissione Diocesana Cultura e Comunicazioni Sociali


LA RASSEGNA VIDEO SUL WEB...


http://www.youtube.com/user/Amica9tv#p/u/14/k7BWBGqCGUY






 

Stampa l'articolo

 
© Comitato Italiano Pro Canne della Battaglia. Sede e Presidenza: Via Rizzitelli 62 - 70051 Barletta BT ITALY
Tel: (+39) 0883 532180 - Email: comitatoprocanne@oggiweb.com. Credits: OggiWeb www.oggiweb.com